Le Riaperture

So che qualcuno, leggendo queste righe, potrebbe pensare che lo scrivente sia affetto dalla famigerata "nebbia celebrale" di cui si parla in questi tempi di pandemia. Tuttavia, ancora una volta, trascorsi 12 mesi dalla pubblicazione del mio post La Ripartenza, non trovo variazioni significative nel linguaggio e nelle strategie adottati nel prospettare il ritorno estivo... Continue Reading →

Revisione della direttiva europea sulle prestazioni energetiche degli edifici – Dite la vostra.

Nel 2020, la Commissione ha presentato la sua strategia "Renovation Wave" per promuovere la ristrutturazione energetica degli edifici nell'UE. Questa strategia contiene un piano d'azione con: (i) misure di regolamentazione, finanziamento e abilitazione; e (ii) l'obiettivo di almeno raddoppiare il tasso annuo di rinnovamento energetico degli edifici entro il 2030. Questo obiettivo richiede una revisione... Continue Reading →

Ricostruzione, Ripartenza, Responsabilità

Le 3R invocate per uscire dallo stato “post bellico” in cui versa il nostro paese, da coloro che, negli ultimi 25 anni, scambiandosi i ruoli, hanno variamente contribuito a crearlo in un crescendo di irrazionalità, improvvisazione, incompetenza. Malgrado il presunto rinnovamento, già archiviato, proposto da ideologi, rottamatori di varia ispirazione e giovani politici per caso,... Continue Reading →

Revisione della Direttiva Europea sulle Energie Rinnovabili. Dite la vostra.

PUBBLICA CONSULTAZIONE APERTA FINO AL 09 FEBBRAIO 2021 L'obiettivo della consultazione è raccogliere i pareri dei portatori d'interesse riguardo alle modalità di revisione della direttiva sulle energie rinnovabili Nell'ambito del Green Deal per l'Europa, la Commissione Europea si è impegnata a intensificare l'azione sui cambiamenti climatici e valuterà in che modo le emissioni di gas... Continue Reading →

Siamo sopraffatti dalla tecnologia e dagli algoritmi ma possiamo reagire.

Avete mai riflettuto sulla quantità di informazioni che ciascuno di noi , normalmente connesso, riceve giornalmente sugli schermi dei propri apparati? Giornali, posta elettronica, messaggi di vario tipo, pubblicità, notifiche di aggiornamento dei vari software e ultimi, non certo per importanza e quantità, i celebrati "social network". Chi non ne segue almeno un paio, con... Continue Reading →

“Noi non abbiamo paura della bomba ..”

Settantacinque anni dopo la prima esplosione di una bomba termonucleare ad Hiroshima, in Giappone, ritengo opportuno riproporre un post dello scorso anno, sul tema delle bombe e non solo..

Ethics of knowledge

Cosi cantava un noto complesso rock nei primi anni Settanta. A mezzo secolo di distanza, dopo infiniti dibattiti, il problema del rischio nucleare non è stato risolto; neanche per lo stoccaggio delle scorie radioattive degli impianti civili. Oggi, tuttavia, le preoccupazioni della pubblica opinione, sono indirizzate altrove. Di “olocausto nucleare”, in particolare tra i giovani, si sente parlare poco. Le ansie dei più sensibili derivano, aldilà dei problemi climatici, dall’ inarrestabile e dirompente avanzata della tecnologia; in particolare dalle applicazioni dell’Intelligenza Artificiale. A questo riguardo esperti e cultori della materia continuano a ricordare che non c’è motivo di essere diffidenti nei confronti delle nuove tecnologie; dell‘AI in particolare, che ci permetterà, fra l’altro, di evitare comportamenti incoerenti, errori e pregiudizi. Giusto!

La nostra istintiva diffidenza tuttavia rimane. Non è nei confronti della tecnologia, bensì degli umani, dell’uso ed abuso che potrebbero farne. Noi non abbiamo paura della…

View original post 3 altre parole

# COVID19 – La Ricostruzione

Abbiamo, insperatamente, ottenuto i mezzi finanziari. Ora servono le idee per “investire” e non solo spendere tante risorse. Quella del cambiamento rimane una sfida difficilissima e cruciale, per le classi dirigenti e per ciascuno di noi.

Ethics of knowledge

Da più parti si sente parlare della necessità, per rilanciare l’economia, di attivare un piano di ricostruzione simile a quello denominato Marshall, attuato nell’ultimo dopoguerra per dar lavoro a milioni di disoccupati, dopo cinque lunghi anni di guerra. Allora, nel 1946, furono utilizzate risorse straordinarie per finanziare un imponente programma di ricostruzione di edifici ed infrastrutture distrutti da innumerevoli battaglie e migliaia di tonnellate di bombe sganciate su città e strutture produttive.

Conseguentemente a questa presunta necessità di procedere senza indugio alla ricostruzione, si chiede anche di rimuovere i vincoli che tradizionalmente ostacolano l’attività nel settore delle costruzioni. Uno in particolare, il codice degli appalti.

Assimilare l’attuale situazione allo stato di guerra può risultare efficace, in considerazione delle numerose limitazioni poste alle libertà dei cittadini, al blocco di alcune attività, al numero di decessi. Invocare però un piano di ricostruzione urgente di infrastrutture, per rilanciare l’economia attraverso le costruzioni, appare…

View original post 180 altre parole

Facezie

Considerazioni ed ironie sempre di grande attualità, dal 1753 ai giorni nostri. La tecnologia in questi ultimi anni moltiplica ed amplifica i fenomeni di incoerenza. Nella comunicazione, in politica, nelle scienze, nei rapporti umani in generale.

Ethics of knowledge

Oggettività, Continuità, (non) Contraddizione. “I tre grandi principi della filosofia tedesca”, secondo Voltaire, ” .. da non violare nei ragionamenti e nell’agire.” In molte discipline, più o meno scientifiche, ancora oggi sembrerebbero poco utilizzati. In politica, dicono, non siano applicabili.. Noi come ci comportiamo?

Già nel 1750 il signor de Voltaire (l’amico del genere umano) con humor e feroce ironia attaccava le istituzioni dell’epoca, mettendo in luce la loro superbia, arroganza, autoreferenzialità. Senza entrare nel merito delle contese di un tempo, e lasciando al lettore ogni riferimento a quelle molto più recenti, riporto di seguito un breve estratto dal libro Facezie (1)

TRATTATO DI PACE CONCLUSO TRA IL PRESIDENTE E IL PROFESSORE, 1 GENNAIO 1753. ” Essendo tutta l’Europa preoccupata per una pericolosa contesa su una formula algebrica…le parti in causa in questa guerra, volendo prevenire un fiume d’inchiostro insopportabile alla lunga a tutti i lettori, si sono…

View original post 131 altre parole

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: