Parafrasando il grande Enzo Jannacci, propongo alcuni riferimenti ai luoghi comuni ed al linguaggio che caratterizzano la nostra comunicazione in politica, nella pubblicità, nel mondo professionale e della comunicazione. Il cittadino, l’utente e la pubblica opinione in genere sono chiamati a confrontarsi, spesso adeguandosi ad essi. L’analisi del linguaggio ed il modo in cui lo utilizziamo ci aiuta a meglio interpretare la nostra società dominata dall’inganno ed anche noi stessi, spesso vittime inconsapevoli dell’autoinganno.

  1. Quelli che: “non accettiamo valutazioni inferiori a eccellente ..
  2. Quelli che: “facciamo una startup innovativa ..”
  3. Quelli che: “mettiamo il cliente al centro ..”
  4. Quelli che: “solo per nuovi clienti ..”
  5. Quelli che: “realizziamo i vostri sogni ..”
  6. Quelli che: “ci avete rubato i sogni ..”
  7. Quelli che: “fai del bene al pianeta ..”
  8. Quelli che: “stiamo lavorando ….”
  9. Quelli che: “apriamo un tavolo ..
  10. Quelli che: “se ne devono tornare a casa ..”
  11. Quelli che: “prima noi ..”
  12. Quelli che: “non accettiamo lezioni da nessuno ..”
  13. Quelli che: “abbiamo tenuto i conti in ordine ..”
  14. Quelli che: “abbiamo stanziato 100 miliardi per il ristoro ..” come se offrissero loro
  15. Quelli che: “passano al gruppo misto” sono stati eletti per caso e non sanno ancora cosa … stanno facendo.

Continua..